“Invece un Samaritano, che era in viaggio, passandogli accanto lo vide e n'ebbe compassione. Gli si fece vicino, gli fasciò le ferite, versandovi olio e vino; poi, caricatolo sopra il suo giumento, lo portò a una locanda e si prese cura di lui. Il giorno seguente, estrasse due denari e li diede all'albergatore, dicendo: Abbi cura di lui e ciò che spenderai in più, te lo rifonderò al mio ritorno.” (Lc 10, 33-35)
Sono passati di qui utenti
Utenti on line: 38
SOS emergenza economica < Attività  < Home
    • SOS emergenza economica

  • Il Progetto Conto S.O.S. Emergenza è un servizio della Caritas Diocesana di Termoli – Larino, ancora in via di definizione, per volere del Vescovo, S.E Gianfranco De Luca, e del Direttore della Caritas, don Ulisse Marinucci; con l’intento di sostenere le famiglie che vivono situazioni di disagio sia economico che sociale.

    L’attuale contesto economico, caratterizzato da una congiuntura internazionale e da un uso sempre più massiccio della precarizzazione lavorativa, comporta un costante incremento della fragilità della cellula primaria della società. Sotto l’aspetto economico, tale processo, è reso evidente dal fatto che sempre più famiglie sono costrette a condizioni economiche di emergenza. Se fino a qualche tempo fa si parlava del rischio di non arrivare a fine mese, ormai si parla del problema della “terza settimana”. La metà delle famiglie italiane infatti ha un redito medio annuo inferiore ai 26.000 € e il 20% supera di poco i 15.000€.

    Per far fronte a tale situazione le famiglie, sempre più soventemente, sono costrette a ricorrere a Finanziarie e prestiti, che finiscono per cronicizzare e aggravarne le condizioni economiche. Tale situazione debitoria si acutizza, proporzionalmente all’aumentare del numero dei componenti il nucleo familiare e colpisce fondamentalmente le famiglie più giovani.

    Il Conto SOS emergenza è offerto proprio in risposta a tale contesto e ha come scopo quello di diventare un ulteriore supporto al ripianamento dell’economia familiare.

    In collaborazione con Banca Etica, a breve, si potrà avere la possibilità - nelle situazioni di grave disagio economico - di accedere ad un mini-prestito ad un tasso molto basso, con la possibilità di spalmare le rate in un tempo personalizzato, in funzione delle possibilità economiche del soggetto richiedente.

    Naturalmente, non potranno essere ammessi al progetto quei soggetti che si trovano in stato di usura o pre-usura, che presentino atti pregiudizievoli e/o stati di insolvenza a proprio carico, o che presentino protesti non pagati, questo, oltretutto, a ragione delle leggi vigenti in materia economica.

Torna su